CURA DEL PRODOTTO

ONLINE SHOPPING

COME SONO REALIZZATI I GIOIELLI DODO?

La Collezione Dodo è ampia sia per tipologie di gioielli sia per materiali proposti. Dai classici oro giallo 18 ct e argento 925, ai più innovativi oro rosa e oro bianco 9 ct per arrivare a diamanti, pietre di colore, resine e smalti. Le leghe impiegate sono di titolo 750/1000 o 375/1000 per l’oro e 925/1000 per l’argento. In particolare per quanto riguarda l’argento, Dodo da sempre apprezza e valorizza le proprietà tecniche ed estetiche dell’argento naturale per le sue creazioni.

Alcuni gioielli sono arricchiti con brillanti, pietre di colore, resine o smalti.

IN QUALI RISCHI POSSO INCORRERE CON UNA PULIZIA CASALINGA?

Anche i gioielli in oro, sia 18 ct che 9 ct, possono perdere la loro brillantezza o la loro finitura superficiale nel tempo e con l’uso. Per mantenere la lucentezza dell’oro di gioielli senza pietre e diamanti, con la dovuta accortezza si possono tranquillamente utilizzare i normali prodotti in commercio, purché non troppo aggressivi. Per diversi motivi, in presenza di brillanti o pietre la pulitura di un gioiello può essere maggiormente rischiosa e si consiglia pertanto di affidarsi ad una pulitura professionale.

DA COSA PUÒ DIPENDERE IL TARNISH?

Il tarnish è essenzialmente dovuto all’interazione del gioiello con agenti esterni come ad esempio:

- differenti elementi chimici presenti in natura come ossigeno e ozono
- composti chimici di zolfo, azoto e cloro (es: piscina, acqua sulfurea termale, particolari ambienti lavorativi)
- condizioni di elevata concentrazione di umidità, zone paludose o vulcaniche
- alcune sostanze comuni come ad esempio profumi, creme, detergenti, lacche o tinture per capelli etc.
- traspirazione cutanea, caratteristica individuale che può variare anche per la stessa persona in base al periodo dell’anno o alle condizioni fisiche del soggetto in un preciso momento (es: assunzione di medicinali, alimentazione).

Entità e frequenza del fenomeno dipendono da molteplici fattori e non sono pertanto prevedibili.

COME POSSO AVERE CURA DEI MIEI GIOIELLI?

I gioielli Dodo, indossati quotidianamente con cura, non necessitano di particolare manutenzione, soprattutto se periodicamente puliti con delicatezza e riposti in modo appropriato.
Il normale uso quotidiano e gli agenti esterni come atmosfera, cosmetici, umidità e traspirazione, a contatto con i gioielli possono contribuire a ridurre la brillantezza sia delle superfici in oro o argento, sia delle gemme e brillanti.

Una buona abitudine per preservare i propri gioielli è quella di riporli separatamente in bustine o astucci singoli, morbidi e puliti in luoghi asciutti, lontani da fonti di calore e in generale al riparo da agenti che possano intaccarli.

CHE COS'È IL TARNISH?

Il tarnish non è altro che un fenomeno naturale, ampiamente conosciuto in metallurgia e comune a tutti i prodotti in argento o lega d’argento.
Si presenta tipicamente sotto forma di annerimento o naturale opacizzazione degli strati superficiali del metallo, in forma localizzata o diffusa. Deriva da una reazione a livello superficiale che non va in alcun modo ad intaccare in profondità il metallo. Difatti è facilmente eliminabile tramite una pulitura casalinga con prodotti specifici -purché non troppo aggressivi- o tramite una pulitura professionale qualora lo stadio di ossidazione sia avanzato e/o qualora il gioiello monti pietre o brillanti o sia composto da materiali diversi dal solo metallo.

PERCHÉ IL MIO GIOIELLO IN ORO BIANCO SI È INGIALLITO?

Frequentemente, soprattutto in presenza di incassatura a pavé, i gioiellI Dodo in oro bianco hanno una finitura superficiale rodiata tipicamente di tono più freddo. Può succedere che con il tempo, la lucentezza del trattamento di rodiatura si modifichi lasciando emergere un colore più caldo, proprio della lega d’oro bianco naturale. Tale fenomeno può essere accelerato da reazioni con agenti esterni, ma essendo comunque superficiale, il trattamento è facilmente ripristinabile tramite un intervento professionale.

Anche i gioielli in oro bianco naturale possono tendere ad assumere una colorazione più calda. Si tratta di un fenomeno caratteristico delle leghe in oro bianco e può essere facilmente ovviato attraverso una periodica pulitura.

DEVO TRATTARE IN QUALCHE MODO PARTICOLARE CORDINI E BRACCIALI IN TESSUTO?

I cordini Dodo sono realizzati in cotone cerato.
Trattandosi di cotone, è buona norma limitare al massimo il contatto con agenti come acqua, acque termali, sapone, cosmetici, profumi, detersivi, cloro e altre sostanze simili che possano stingere i colori o deteriorare il tessuto, compromettendo l’integrità del montato. È inoltre consigliato non sottoporre il tessuto a sollecitazioni eccessive o trazioni che possano causarne la rottura.

PERCHÉ IL MIO GIOIELLO HA PERSO LA FINITURA SUPERFICIALE?

Le finiture presenti su alcuni gioielli Dodo sono realizzate attraverso trattamenti superficiali.
E’ normale che con il tempo e con l’uso i trattamenti superficiali - come ad esempio la rodiatura o la sabbiatura - possano modificarsi rispetto all’effetto estetico che caratterizza il gioiello nuovo, rivelando la superficie naturale del metallo.
Per preservare i trattamenti superficiali più a lungo è bene fare attenzione a non usurare le parti interessate dal trattamento evitando anche di intervenire con panni comuni, panni lucidanti o altri prodotti.
Si sconsiglia poi sempre il contatto con agenti esterni come cosmetici, profumi, saponi, detersivi, cloro o acqua clorata, l’esposizione prolungata al sole, la vicinanza a fonti di calore e gli sbalzi termici che possono aggredire finitura e pietre.
I diversi trattamenti superficiali possono generalmente essere ripristinati tramite un intervento professionale.
Il risultato del ripristino dipende dal tipo specifico di trattamento e naturalmente dallo stato generale del gioiello da ripristinare.

CHE TIPO DI PIETRE UTILIZZA DODO?

Per i suoi gioielli Dodo utilizza principalmente pietre naturali, mentre su alcuni modelli impiega pietre di sintesi. Le pietre di sintesi sono gemme che, pur essendo create in laboratorio con tempi accelerati rispetto ai lunghi processi della natura, hanno le stesse caratteristiche fisiche e chimiche delle corrispettive gemme naturali. 
Entrambe le tipologie di pietre hanno in genere un buon indice di durezza, ma ogni gemma montata su un gioiello ha comunque nel suo insieme una insita delicatezza. Seppure inconsapevoli o indiretti anche piccoli urti possono graffiare scalfire o rompere una pietra.

DEVO TRATTARE IN QUALCHE MODO PARTICOLARE LA PIETRA, LA RESINA O LO SMALTO DEL MIO GIOIELLO?

Pietre, resine e smalti non necessitano di particolari trattamenti o manutenzioni ma, possedendo una loro intrinseca delicatezza, richiedono una cura sufficiente ad evitare da un lato urti che possano graffiarle, scalfirle o romperle e dall’altro il contatto con agenti esterni che possano aggredirle.
E’ buona norma, da questo punto di vista, evitare i contatti con cosmetici, profumi, acqua, saponi, detersivi, cloro, l’esposizione prolungata al sole, la vicinanza a fonti di calore e gli sbalzi termici che possono rovinare la superficie di una gemma in modo irreversibile.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Segui MANI BOUTIQUE

  • Nero Facebook Icon
  • Black Icon Instagram
  • Black Icon YouTube

Manì è a tua disposizione per aiutarti a scegliere l’orologio più adatto alle tue esigenze all’interno di una vasta gamma di modelli Rolex. La nostra boutique, situata a Sassari, è riconosciuta come rivenditore autorizzato Rolex, poiché tutti i segnatempo Rolex da noi proposti sono autentici e protetti da garanzia.

  • Via Roma, 28 - 07100 Sassari

INSTAGRAM

All Rights Reserved

Manì Boutique srl - P.Iva 01580850905